Procedura per i viaggi con destinazione Usa

REGISTRAZIONE OBBLIGATORIA E.S.T.A.

Tutti i cittadini italiani, o cittadini appartenenti alle nazioni incluse nel programma Visa Waiveer Program, prima di recarsi negli USA devono ottenere l'autorizzazione elettronica di viaggio attraverso l'Electronic System for Travel Authorization (E.S.T.A.).
Al momento della conferma della prenotazione e, comunque, non oltre 5 giorni prima della partenza è necessario compilare l'apposito modulo on-line sul sito https://esta.cbp.dhs.gov.
Il viaggio potrà essere

  1. Autorizzato
  2. Non Autorizzato: in tal caso il viaggiatore deve ottenere il visto presso un'Ambasciata o Consolato, prima di partire per gli U.S.A.
  3. In attesa di Autorizzazione: il viaggiatore dovrà controllare per aggiornamenti il sito E.S.T.A. nelle successive 72 ore.
In caso di esito positivo della richiesta verrà visualizzato un numero identificativo dell'autorizzazione che sarà richiesto in caso di check in in Aeroporto.
Si consiglia, pertanto, di stampare il numero identificativo dell'autorizzazione.
Il costo dell'autorizzazione è di $ 14,00 ed è pagabile con carta di credito.

Informazioni utili:

  1. la richiesta di viaggio negli U.S.A. tramite E.S.T.A., è valida fino a 2 anni o fino alla scadenza del passaporto per ingressi multipli.
  2. La richiesta, anche se approvata, non garantisce l'ammissione negli Stati Uniti. L'approvazione E.S.T.A. autorizza la persona ad intraprendere il viaggio verso gli Stati Uniti usufruendo del programma V.W.P.
  3. I minori potranno beneficiare del V.W.P. esclusivamente se in possesso del passaporto individuale. L'iscrizione sul passaporto dei genitori o il lasciapassare non sono sufficienti.

La registrazione in E.S.T.A. è a cura del viaggiatore.

In assenza di autorizzazione E.S.T.A., i clienti che usufruiscono del programma V.W.P. non saranno autorizzati a partire dall'Italia e non avranno diritto ad alcun rimborso del viaggio.

dal 21 gennaio 2016 sono in vigore restrizioni per alcune categorie di viaggiatori di Paesi partecipanti al VWP, i quali per poter entrare negli Stati Uniti dovranno munirsi di regolare visto.
Tali restrizioni riguardano:
- cittadini di Paesi VWP che siano anche cittadini di Iraq, Siria, Iran e Sudan;
- individui che si sono recati in uno di questi quattro Paesi negli ultimi cinque anni (a partire dall'1 marzo 2011). I funzionari di governo (''full-time'') e il personale militare di Paesi del VWP recatisi nei quattro Stati per ragioni di servizio sono esclusi da tale restrizione.
Le Autorità USA possono peraltro concedere eventuali ''eccezioni'' a tali restrizioni valutando ''on a case by case basis''.
Eventuali eccezioni potrebbero essere previste per i richiedenti ESTA che rientrino in una delle seguenti categorie di viaggiatori:

1) Persone che hanno viaggiato in Iran, Iraq, Sudan o Siria
- per conto di ''international, regional, or sub-national organization on official duty'';
- per conto di  ''humanitarian NGO on official duty'';
- in qualità di giornalista ''for reporting purposes''.

2) Persone che hanno viaggiato in Iran ''for legitimate business-related purposes'' a seguito della conclusione del ''Joint Comprehensive Plan of Action'' con l’Iran del 14 luglio 2015.

3) Persone che hanno viaggiato in Iraq ''for legitimate business-related purposes''.


In tali casi, è fondamentale presentare alle Autorità USA tutti i documenti in grado di provare l'appartenenza ad una delle categorie indicate.
In tutti i casi dubbi, si raccomanda di contattare sempre le Autorità USA in Italia (Ambasciata e/o Consolati) e/o procedere alla richiesta del visto.


Ulteriori restrizioni sono state introdotte il 18 febbraio 2016 nei confronti dei viaggiatori che si sono recati in Libia, Somalia e Yemen a partire dal 1 marzo 2011. Essi non potranno entrare negli USA in regime di VWP, ma dovranno munirsi di regolare visto.



Dal 1° aprile 2016, per poter entrare nel territorio degli Stati Uniti in regime di esenzione del visto (attraverso l’ESTA), è introdotto il requisito obbligatorio del possesso di un passaporto elettronico contenente i dati biografici e biometrici del titolare, rilasciato successivamente al 26 ottobre 2006. Si intende per “passaporto elettronico” il libretto dotato di microprocessore.